“The Show Must Go On”, 14 ottobre 1991

Questa celebre canzone dei Queen usciva il 14 ottobre di quasi trent’anni fa, ma era stata composta da Brian May e registrata un anno prima, comunque nel timore che Freddie Mercury potesse non farcela.

E questa canzone-simbolo è infatti ricca di figure retoriche capaci di mascherarne la tragedia alle porte, trasformandosi in un inno alla tenacia e alla determinazione ad andare avanti.

Empty spaces, what are we living for?
Abandoned places, I guess we know the score, on and on
Does anybody know what we are looking for?
Another hero, another mindless crime
Behind the curtain, in the pantomime
Hold the line
Does anybody want to take it anymore?
The show must go on
The show must go on, yeah
Inside my heart is breaking
My makeup may be flaking
But my smile, still, stays on
Whatever happens, I’ll leave it all to chance
Another heartache, another failed romance, on and on
Does anybody know what we are living for?
I guess I’m learning
I must be warmer now
I’ll soon be turning, round the corner now
Outside the dawn is breaking
But inside in the dark I’m aching to be free
The show must go on
The show must go on
Inside my heart is breaking
My makeup may…

Un’interessante analisi linguistico-retorica della canzone, anche piacevole dal punto di vista grafico, è quella svolta da Giulio Frangioni (con illustrazioni e grafiche di Roos in’t Velt):

https://ilfavolosoarchiviodigiulio.files.wordpress.com/2017/10/the-show-must-go-on-analisi.pdf

Pubblicata sei settimane prima della morte del frontman dei Queen, la canzone (che inevitabilmente entrò in classifica ovunque) fu cantata live per la prima volta il 20 aprile 1992 in occasione del Freddie Mercury Tribute Concert: orfani di Freddie Mercury, “The Show Must Go On” fu eseguita dai tre membri rimanenti dei Queen: con loro ci fu la voce solista di Elton John.