Alberto Angela e il ricordo del padre: un bell’esempio di discorso

In occasione dei funerali di Piero Angela, che si sono tenuti a Roma la mattina di martedì 16 agosto, il conduttore Rai Alberto Angela ha pronunciato un toccante discorso. Secondo la retorica classica, si tratta di un elogio funebre. Retoricamente ne riporta integralmente il testo perché è sicuramente uno splendido esempio di discorso, dove trovano compiuto svolgimento elementi retorici e storytelling moderno. Cui va aggiunta, non da ultimo, una splendida actio/pronuntiatio, nello stile (sobrio e, questa volta, emotivamente coinvolto) del noto divulgatore.

TESTO INTEGRALE

«Grazie per essere venuti, voi che siete qui, a casa, i media, la stampa, da collega vi dico avete fato un lavoro molto corretto e professionale. Non è facile per me fare questo discorso, di solito vado a braccio, ma spero mi capirete. Le persone che amiamo non dovrebbero mai lasciarci, però accade. Vorrei partire dall’ultima cosa che ha fatto papà, quell’ultimo discorso con poche forze che mia sorella e io abbiamo raccolto e trascritto, un discorso non ufficiale è come un discorso a fine serata agli amici. C’è molto affetto e molto amore nei confronti di tutti. E’ riuscito a unire e non dividere tutti. Il suo stile e il suo tatto lo conoscete tutti. La cosa bella che ci ha colpito è il ritorno sotto forma di messaggi, di articoli. Questi giorni per me è stata una tempesta, ma se ne esce. Erano messaggi non di sofferenza, ma di amore, di sentimento, il sentimento è qualcosa che rimane e si trasforma in valore e questo rimane, e credo sia il miglio vestito per papà. L’ultimo insegnamento me lo ha fatto non con le parole ma con l’esempio, in questi ultimi giorni mi ha insegnato a non aver paura della morte, non l’ho mai visto in mezzo allo sconforto, alla tristezza al dolore. Qualche anno fa ricorrevano i 50 anni dello sbarco sulla Luna e io – racconta Alberto Angela – ho insistito perché facessimo qualcosa assieme e abbiamo fatto quella puntata. Lui è tornato nei luoghi in cui aveva visto il decollo dell’Apollo 11. Una volta ha tirato fuori anche delle foto. C’era Armstrong. Aveva una quantità di esperienze. Una vita riempita. Questo è molto importante. Ed è stato uno dei motivi per cui se ne è andato soddisfatto, come quando ci alza da un tavolo dopo una bellissima cena con gli amici. Lui ha attraversato questo ultimo periodo con una razionalità, con i piedi per terra come se fosse una missione Apollo. Quando ha saputo che oramai era arrivato il suo tempo, lui ha fatto un calcolo così a spanne, del tempo che gli sarebbe rimasto e ha fatto tutte le trasmissioni che stanno andando in onda adesso di Superquark, un altro ciclo. Ha anche preparato un disco jazz, andando a registrare e tornando indietro. Aveva una forza incredibile. Ha fatto discorsi ai familiari e poi a voi. Dopo 24 ore se ne è andato. Questa sua serenità è stata possibile perché aveva un approccio razionale, scientifico ma anche pieno di vita e di amore. Non ho mai visto una cosa del genere. Ho avuto la sensazione di avere Leonardo Da Vinci in casa, aveva sempre la risposta giusta, lui amava questo aforisma ” Siccome una giornata bene spesa dà lieto dormire, così una vita bene usata dà lieto morire”. Riempire la vita è un insegnamento per tutti. Continuerà a vivere in tutti quei ragazzi che cercano l’eccellenza, nei ricercatori che cercano di andare a meta nonostante tutte le difficoltà, in tutte le persone che cercano di unire e non di disunire, nelle persone che cercano la curiosità e le bellezze della natura, quelle che cercano di assaporare la vita. L’eredità che ci lascia è importante, non è un’eredità fisica ma di atteggiamento della vita. Concludo come ha detto lui “fate la vostra parte”, anche io cercherò di fare la mia. Grazie».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to Top