Perché la comunicazione di De Luca piace a Naomi (e non solo)

Nei mesi della pandemia ha surclassato Conte e Salvini. Gli altri governatori, Zaia, Fontana e omologhi? Tutti ad inseguire. Perché il primo posto nella classifica dei migliori comunicatori del (drammatico) periodo è di Vincenzo De Luca, governatore della Campania. È talmente piaciuto, anche all’estero, da finire in un post di …

Freud+Strehler+Cicerone= ?

Cosa c’entrano Freud, Strehler e Cicerone? Ve lo spieghiamo venerdì 22 maggio dalle 17 alle 18.30 nel nostro webinar gratuito su “Retorica, psicologia e comunicazione paraverbale e non verbale per una comunicazione efficace” Gratuito e riservato ai primi 100 che si registreranno qui: REGISTRAZIONE AL WEBINAR GRATUITO In pantofole o sul tapis roulant, potrete …

Cicerone e il COVID-19

Giovedì 23, dalle 15.30 alle 16.30, si potrà partecipare al primo webinar (gratuito) organizzato da Visiones (Centro di studi sull’oratoria antica e contemporanea) dal titolo “Parlare in tribunale ai tempi del COVID. Suggestioni antiche e moderne”.

Introdotto dal Direttore di Visiones (Centro di studi sull’oratoria), Prof. Avv. Gianluca Sposito, ci sarà il Prof. Andrea Balbo (docente di Lingua e Letteratura latina presso il Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Torino e presso l’Università della Svizzera Italiana a Lugano) con un intervento quanto mai attuale dal titolo “Tre parole chiave: Cicerone, persuadere, distanziare”.

Si proverà a riflettere e a discutere sull’oratoria di ieri, di oggi, di domani.

L’evento è gratuito e la trasmissione avverrà online in videoconferenza tramite la piattaforma Zoom.

Per partecipare (max. 100) è necessario iscriversi al seguente link:

https://zoom.us/webinar/register/WN_U83q35EkT6WcG3qzSZFoYQ

Poscia se ne accorgeranno?

Poscia? Ma come parli? Veramente sta scritto in una sentenza… Ebbene sì: giudici (e avvocati) parlano ancora così. Spesso non facendosi capire (a volte neanche tra loro); di certo non facendosi capire da tutti gli altri. Il problema è che le sentenze sono emanate “nel nome del popolo italiano” e …

L’epidemia e la retorica del linguaggio bellico

Come per il cancro, anche per il coronavirus si continua ad utilizzare un linguaggio bellico, dove il virus è il mostro, il nemico da battere, sconfiggere, distruggere. Perché è lui ad aggredire ma siamo noi a doverlo uccidere e vincere. Sennonché viene da chiedersi: ma chi muore ha perso? Chi non guarisce è un debole? E così, ancora, chi è …

L’anfibolia

Le fallacie rappresentano particolari errori dell’argomentazione in cui un ragionamento, pur non essendo corretto dal punto di vista logico, risulta in qualche maniera convincente e persuasivo (su un piano strettamente comunicativo). Le fallacie semantiche derivano dall’uso vago o ambiguo di termini ed espressioni linguistiche (ambiguità e vaghezza, va subito precisato, …

Anche il “triage” ci fa del male. E non per l’epidemia di parole straniere

Triage? Pre-triage? La consueta epidemia di parole straniere? In un momento così drammatico, vogliamo comunque intrattenere i nostri assidui lettori riflettendo insieme proprio sull’uso-abuso di parole straniere di larga diffusione. Triage è, per definizione, in ambito medico, un metodo di valutazione e selezione immediata (dal francese trier «scegliere», «classificare», e poi finita …

Scrivere è come nuotare

Scrivere è come nuotare: parola di Giuseppe Pontiggia. Ma come si diventa scrittori?Giuseppe Pontiggia, che scrittore lo era, aveva diverse risposte per questa domanda. Ma una è che sicuramente nessuno lo è dalla nascita. Scrivere è un esercizio che si estende nel tempo, spesso nell’arco di una vita intera, e …