Oratore o attore? La comunicazione non verbale in Cicerone e Quintiliano

Cos’è l’actio? È ancora di assoluta attualità la tradizionale organizzazione del discorso retorico in cinque parti, corrispondenti ad altrettante capacità richieste all’oratore: inventio (ricerca degli argomenti), dispositio (organizzazione degli argomenti), elocutio (modo di esprimersi), memoria (memorizzazione), actio o pronuntiatio (modo di porgere). Mentre le prime tre riguardavano la realizzazione di …

Un dizionario di retorica per raggiungere obiettivi

Il recentissimo “Dizionario di retorica. Con elementi di linguistica, fonetica, stilistica e narratologia per l’oratore quotidiano” di Gianluca Sposito effettivamente è un dizionario con oltre 200 voci specialistiche (prima parte del dizionario) organizzate in un repertorio dei possibili obiettivi dell’oratore. In sostanza, se ci si vuole togliere la curiosità di …

Quanto siamo retorici – Il ritmo ternario

In una serie di brevi video realizzati dalla Edizioni Intra in esclusiva per Retorica-mente.it, Gianluca Sposito (avvocato, docente universitario tra i maggiori esperti contemporanei di retorica e autore di “Quanto siamo retorici” e “Manuale di retorica forense”) ci introduce alla nobile arte della retorica, illustrando le sue enormi possibilità per organizzare il nostro pensiero in un discorso fondato e persuasivo. Retoricamente.

Oggi parliamo di ritmo ternario.

L’anfibolia

Le fallacie rappresentano particolari errori dell’argomentazione in cui un ragionamento, pur non essendo corretto dal punto di vista logico, risulta in qualche maniera convincente e persuasivo (su un piano strettamente comunicativo). Le fallacie semantiche derivano dall’uso vago o ambiguo di termini ed espressioni linguistiche (ambiguità e vaghezza, va subito precisato, …

Quanto siamo retorici – L’enfasi

In una serie di brevi video realizzati dalla Edizioni Intra in esclusiva per Retorica-mente.it, Gianluca Sposito (avvocato, docente universitario tra i maggiori esperti contemporanei di retorica e autore di “Quanto siamo retorici” e “Manuale di retorica forense”) ci introduce alla nobile arte della retorica, illustrando le sue enormi possibilità per organizzare il nostro pensiero in un discorso fondato e persuasivo. Retoricamente.

Oggi parliamo di enfasi.

Chi vuol essere milionario?

Ebbene sì: conoscere la retorica può aiutare. Ma in questo specifico caso di un aiutino avrebbero bisogno gli autori del programma… “La domanda è sbagliata, non sono metafore, ma similitudini” così Alessandro Limaroli ha bacchettato gli autori di “Chi vuol essere milionario?” durante la prima puntata del game show di Canale 5, condotto da Gerry …